oggi è Luned 16 Settembre 2019
Logo Le Botteghe del Centro di Cremona
 

Home > Rassegna Stampa

19 Settembre 2013

Saldi:Federmoda chiede che si ascoltino i negozi

per Renato Borghi va evitata una mazzata al made in Itaky

dal : 19 Settembre 2013  al : 20 Ottobre 2013
 

PROPOSTA DI DEREGULATION PROMOZIONI IN LOMBARDIA
Borghi – Federazione Moda Italia Confcommercio: “Vanno ascoltati, prima di tutto, gli operatori del settore moda.Evitiamo un’altra mazzata al made in Italy”

Milano, 19 settembre 2013. Il presidente di Federazione Moda Italia – Confcommercio e vicepresidente vicario di Confcommercio Lombardia, Renato Borghi, commenta così la presentazione odierna del Gruppo consiliare regionale Pdl di un progetto di legge sulla sospensione del divieto di effettuare vendite promozionali nei periodi antecedenti i saldi. «L’iniziativa del Gruppo – rileva Borghi - ci appare incomprensibilmente ‘fuori tempo’. È a conoscenza di tutti che l’Assessorato regionale al Commercio ha istituito a luglio un Tavolo di lavoro denominato ‘Vediamoci chiaro’ al quale partecipano tutti i soggetti interessati alle vendite straordinarie (associazioni imprenditoriali di settore, consumatori, sindacati dei lavoratori e componenti dell’Osservatorio regionale del Commercio) e, in questo senso, l’iniziativa mi pare anche poco ‘riguardosa’ nei confronti di tutti i soggetti coinvolti nei lavori del Tavolo”. Federazione Moda Italia si è impegnata a fornire dati certi e certificati sull’andamento del settore e i risultati di un ampissimo sondaggio sugli operatori di Milano e di tutte le province lombarde. “Se il Gruppo consiliare – continua Borghi - ha interesse a venire incontro alle esigenze delle imprese, farebbe bene ad ascoltare, prima, quello che le imprese hanno da dire. Alcuni consiglieri dovrebbero tener conto delle istanze dei 14.500 piccoli negozi al dettaglio del settore moda della Lombardia che vedono i loro margini sempre più assottigliati. Il nostro sondaggio sarà completato entro la fine di settembre e lo renderemo disponibile all’Assessorato regionale al Commercio, il naturale interlocutore, almeno per noi. Comunque, già ora, per dieci mesi all’anno i consumatori possono accedere a sconti. Bisogna, invece, porre attenzione affinché, nella logica dello sconto permanente, il mercato non sia invaso da prodotti d’importazione a basso costo che possono consentire una più alta marginalità, ma che conseguentemente darebbero una “mazzata” al made in Italy di qualità”.



AREA UTENTI


Ultime discussioni dal forum
 
What need for good life?
inserita il 28/02/2019
 
 
.
inserita il 20/04/2019
 
STARCROSS 7 2019
inserita il 01/05/2019
 

Scopri tutti i dettagli dell'iniziativa

AIUTA ANCHE TU l'Azienda Istituti Ospitalieri di Cremona per la creazione di un Polo di Terapia Innovativa e Tecnica Robotica, Chirurgia Robotica e Servizio di Terapia Molecolare

Fai subito la tua donazione: